Skip to content

Potenziale effetto protettivo dell’allattamento sull’incidenza del diabete di tipo 2 nelle donne con precedente diabete gestazionale: revisione sistematica e meta-analisi

A cura di Francesco Romeo

24 marzo 2017 (Gruppo ComunicAzione) – Il diabete gestazionale (GDM) è un disordine del metabolismo del glucosio che colpisce fra il 5 e il 9% delle gestanti negli Stati Uniti (circa 250.000 anno) e che conferisce a queste donne un rischio 7 volte superiore di sviluppare il diabete mellito tipo 2 (DMT2) rispetto alla popolazione sana. Le strategie da adottare nel postpartum per cercare di ridurre questo rischio includono essenzialmente interventi sullo stile di vita: dieta, attività fisica, perdita di peso. Anche l’allattamento al seno sembra ridurre i livelli di glicemia, migliora l’assetto lipidico e riduce l’insulino-resistenza. Nonostante tali benefici, le evidenze che l’allattamento al seno prevenga il DMT2 sono poche, soprattutto fra le donne con pregresso GDM.

In uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Diabetes Metabolism Research and Reviews, Kanako Tanase-Nakao (National Center for Child Health and Development, Tokyo, Giappone) e coll. hanno condotto una revisione sistematica della letteratura per raccogliere le prove disponibili su queste gestanti.

Nella metanalisi sono state incluse 14 revisioni estratte da 9 studi. L’allattamento per un periodo superiore alle 4-12 settimane ha ridotto il rischio di sviluppare DMT2 rispetto a un periodo di allattamento più breve. Non solo: è stato dimostrato che anche per periodi più lunghi il rischio di sviluppare la malattia rimane minore (OR 0,77, IC 95% 0,01-55,86; OR 0,56, IC 95% 0,35-0,89; OR 0,22, IC 95% 0,13-0,36; tempo di valutazione per DMT2 <2 anni, 2-5 anni e >5 anni, rispettivamente). La prolattinemia, che aumenta nel corso della gravidanza e che raggiunge il picco con secrezione pulsatile durante l’allattamento, potrebbe essere, insieme ad altri, uno dei fattori biochimici chiave di tale effetto protettivo a lungo termine. In alcuni studi l’ormone ha infatti dimostrato di migliorare la secrezione di insulina e l’insulino-resistenza in ratti diabetici.

Il limite di questa metanalisi è che si tratta di studi osservazionali e, come tali, soggetti a diversi fattori che possono influenzare i risultati ottenuti. Da qui la necessità di condurre studi specifici per verificare il reale rapporto di causa effetto fra allattamento materno e sviluppo della malattia diabetica in donne con pregresso GDM.


Diabetes Metab Res Rev. 2017 Jan 10. doi: 10.1002/dmrr.2875. [Epub ahead of print] 

PubMed