Skip to content

AMDcomunicAzione

amd_com


Composizione del gruppo

Direttore:

  • Miryam Ciotola (Salerno)


Componenti:

  • Lucia Briatore (Savona)
  • Alessandra Clerico (Torino)
  • Sara Colarusso (Benevento)
  • Enrico Pergolizzi (Pinerolo, TO)
  • Francesco Romeo (Chieri, TO)
  • Carla Tortul (Monfalcone, GO)
  • Emanuela Zarra (Brescia)


Collaboratori:

  • Eugenio Alessi (Reggio Calabria)
  • Marcello Monesi (Ferrara)
  • Stefano Parini (Bologna)
  • Renato Giordano (Social Media Manager; Roma)
  • Tommasina Sorrentino (coordinamento pubblicazioni “Leggi e delibere” – sezioni regionali; Napoli)


Referente CDN:

  • Riccardo Fornengo (Chivasso, TO)


Consulente tecnico esterno:

  • Giorgio Mantovani (Infomedica, Torino)

 


Attività del gruppo

Nella sua storia AMD ha sempre ritenuto importante la comunicazione; e i suoi presidenti, a partire da Giacomo Vespasiani, nel 2003, e i suoi successori, hanno via via perseguito una politica volta a ribadire l’importanza della comunicazione, intesa come un’azione importante nella vita di tutti i giorni – con i soci e verso l’esterno. Le motivazioni sono sempre state molte, dettate dalla consapevolezza di base per la quale se la comunicazione viene meno le persone non si conoscerebbero, le idee non sarebbero veicolate, i pensieri non verrebbero condivisi, i progetti rimarrebbero tali… Passaggi banali, ma nell’epoca della cosiddetta comunicazione real-life il passaggio potrebbe non essere poi scontato.

Nato con la delibera del Consiglio Direttivo Nazionale (CDN) dell’11 giugno 2003, il gruppo AMDComunicAzione era la struttura permanente in staff al Consiglio stesso, con delega a progettare e a sviluppare – in modo coerente alle politiche di AMD – un sistema di comunicazione/informazione rivolto sia ai Soci sia appunto all’esterno, alle varie figure professionali del mondo sanitario, diabetologico e non, al paziente diabetico e all’opinione pubblica. Oggi, secondo l’attuale statuto di AMD, AMDComunicAzione è, insieme alla Scuola AMD, un “gruppo a Statuto”, l’organo tecnico della comunicazione, operante secondo un regolamento emanato dallo stesso.

Va da sé che per essere produttiva, la comunicazione deve essere veloce: pertanto, al fine di essere ottimale, non può prescindere dallo sviluppo delle tecnologie applicate alla comunicazione stesse. Va dunque ricordato che fin dal 1997 AMD ha veicolato la sua comunicazione in internet con il sito aemmedi.it, lo spazio istituzionale della società sulla rete. Da parte sua, AMDcomunicAzione ha sviluppato nel tempo il sito, trasformandolo nello strumento privilegiato della comunicazione ai Soci, rendendolo sempre nel luogo del dialogo e dello scambio dell’informazione tra il CDN e la periferia.

AMDcomunicAzione aveva però sviluppato nel tempo una sua piccola galassia informativa. L’area dell’informazione scientifica è stata (sino al 2016) quella del sito infodiabetes.it, che ha garantito l’informazione scientifica: i dati dai più importanti congressi internazionali di settore, come l’ADA, l’EASD, l’IDF; le news diabetologiche commentate, estratte da fonti diverse, che hanno ormai superato il numero 1000; le interviste, le analisi, le riflessioni; l’attività congressuale di AMD nazionale; quello che oggi è il JAMD; la rivista MeDia, pubblicata con la SIMG; Diabetes Care nella versione italiana con la FAD. E poi le Breaking News, fonte rapidissima di informazioni dalla letteratura medica, che privilegiano l’immediatezza temporale dell’informazione per fornire al lettore materia su cui sviluppare riflessioni individuali o spunto di approfondimento dei temi con la lettura diretta.

Nello stesso sito trovava posto anche il sapere diabetologico consolidato e fondato sulle prove, quello degli Standard italiani per la cura del diabete mellito realizzati da AMD e SID, la cui ultima edizione è tutta online, ipertestuale, navigabile, semplice da fruire, con un website suo proprio. Aggiornato in modo continuativo, è un vero e proprio strumento di studio personale, ove il singolo utente può evidenziare il testo di interesse, annotare in un apposito box le proprie minute, aggiungere bookmark (segnalibri), salvare e stampare quanto ritiene utile.

C’era poi Diabete.it, il canale della comunicazione dedicata al paziente diabetico attraverso un’informazione qualificata, con informazioni indispensabili sui farmaci sulle problematiche burocratiche e sui problemi pratici connessi con la gestione della malattia.

Sul versante prevenzione c’era Diabete No grazie, rivolto alla popolazione generale per ciò che è necessario conoscere sullo screening e la prevenzione del diabete, fornendo spunti e informazioni su un corretto stile di vita.

Bene: dal 16 gennaio 2017 AMDcomunicAzione ha riunito appunto tutta la galassia informativa di AMD in questo unico spazio, un sito articolato, che certo non ha terminato (e forse non terminerà mai) di rifondarsi e di cercare nuove modalità per dire condividere, discutere, analizzare, progettare.

Quanto al gruppo: in quasi 15 anni, sotto la guida di tre coordinatori (Luca Monge, Alberto De Micheli e Marco Comoglio) e grazie al lavoro di non pochi Soci, è diventato uno strumento indispensabile per veicolare, far crescere e diffondere attraverso le sue diverse voci le progettualità e le iniziative condivise della nostra associazione ma anche le idee dei singoli Soci; e il modulo Diamo forza alle idee, a disposizione di tutti su questo sito, e fortemente voluto dalla presidenza AMD, ne costituisce esempio evidente. Il Gruppo AMDcomunicAzione ha coltivando sempre, per sua intrinseca natura, un che di dinamico, ma nello stesso tempo attento e riflessivo, curioso ma responsabile, sensibile e in divenire continuo.

Adesso, la squadra si è rinnovata e si apre anche ai cosiddetti social network per cercarne un uso logico, sensato, utile e al servizio dei Soci e di tutti coloro che hanno necessità di attingere a una informazione certificata sul diabete: siamo certi che dall’esperienza del passato troveremo spunti per contribuire sempre più e sempre meglio alla comunicazione di AMD e alla sua informazione. Con il rigore e la tempestività, con la “sostanza” e la costanza di sempre.

Miryam Ciotola
Napoli, 1 giugno 2017