Skip to content

Diabete No Grazie

Il made in Italy da esportazione: i benefici della dieta mediterranea

I dati di uno studio recente confermano i benefici già noti associati a uno stile di vita e di alimentazione tipico della nostra area geografica, indicando la dieta mediterranea come presidio di benessere e salute da esportare e tutelare.
a cura di Marcello Monesi

L’importanza dell’alimentazione sana per il mantenimento della salute è nota fin dall’antichità. Tra gli schemi nutrizionali che possono conferire maggiore protezione nei confronti delle malattie è altrettanto riconosciuto il ruolo della dieta mediterranea: il consumo regolare di pesce e carne bianca invece di carne rossa, la riduzione dell’apporto di sale in favore di erbe e spezie, l’impiego di olio di oliva al posto di burro e margarina, il largo apporto di verdura e frutta, cereali integrali, frutta secca e vino rosso in modiche quantità costituiscono da sempre una combinazione vincente per la salute e per il palato. I primi studi che hanno evidenziato benefici cardiovascolari derivanti da questa dieta risalgono addirittura agli anni ’50; più recentemente la dieta mediterranea ha dimostrato di apportare insospettabili benefici anche ad altre patologie, come ad esempio la malattia di Alzheimer o l’asma.

Uno studio recentemente pubblicato si è proposto di valutare gli effetti a lungo termine dell’adozione della dieta mediterranea, cercando anche di fare luce sui meccanismi biologici che mediano i benefici per il cuore associati a tale schema nutrizionale.

A tale scopo i ricercatori hanno condotto un’analisi su di un gruppo di oltre 25.000 donne di età maggiore di 45 anni, residenti negli Stati Uniti: i soggetti in esame dovevano dichiarare le proprie abitudini alimentari mediante un’indagine sui cibi maggiormente consumati. Dopo un periodo di follow-up durato ben 12 anni, si è osservato che le donne che seguivano la dieta mediterranea avevano un rischio di sviluppare patologie cardiovascolari ridotto del 28% rispetto a chi seguiva una dieta che non prevedeva l’assunzione regolare di cibi salutari. I principali benefici fisiologici derivanti dalla dieta e in grado di conferire la protezione cardiovascolare sono stati la riduzione dell’infiammazione, dei livelli di zucchero nel sangue, di resistenza all’insulina, dell’adiposità e dell’indice di massa corporea, cioè del peso.

Tali dati, con la forza di uno studio ben strutturato e protratto per un lungo periodo di tempo, confermano i benefici già noti associati a uno stile di vita e di alimentazione tipico della nostra area geografica, indicando la dieta mediterranea come presidio di benessere e salute da esportare e tutelare.


Assessment of Risk Factors and Biomarkers Associated With Risk of Cardiovascular Disease Among Women Consuming a Mediterranean Diet
JAMA Netw Open 2018;1(8):e185708