Skip to content

Diabete No Grazie

Attento al peso quando smetti di fumare!

Smettere di fumare, in particolare per le persone con diabete tipo 2, regala un beneficio globale sulla salute. Se poi si riesce a controllare anche il peso corporeo, tanti sono i benefici sul cuore…
a cura di Alessandra Clerico

Per le persone con diabete smettere di fumare è particolarmente importante al fine di ridurre il rischio cardiovascolare. Spesso però la cessazione del fumo comporta una variazione del peso corporeo che di per sé potrebbe ridurne i benefici.

Per verificare questa ipotesi gli autori di una recente analisi statunitense hanno utilizzato i dati provenienti da un campione di circa 180.000 soggetti di due precedenti studi, il Nurses Health Study e il Health Professionals Follow-up Study, e hanno selezionato circa 11.000 soggetti diabetici. Il campione era composto da pazienti fumatori o non fumatori senza malattie cardiovascolari o neoplasie, già affetti da diabete tipo 2 all’inizio del periodo di osservazione o diagnosticato durante lo studio. Ogni 2 anni ai soggetti sono stati somministrati specifici questionari validati per raccogliere informazioni sull’insorgenza di nuove patologie diagnosticate nell’intervallo di tempo tra un questionario ed il successivo, sullo stato di salute, sullo stile di vita inclusa la cessazione dell’abitudine al fumo e le variazioni di peso corporeo. È stata quindi valutata l’incidenza di malattie cardiovascolari, la mortalità per cause specifiche e per tutte le cause e i soggetti sono stati suddivisi in coloro i quali avevano smesso di fumare da poco tempo (meno di 6 anni), che avevano smesso da tanto tempo (più di 6 anni) e che non avevano smesso di fumare; tali parametri sono poi stati correlati con la variazione del peso corporeo evidenziata entro i 6 anni dalla cessazione del fumo.

I risultati ottenuti hanno evidenziato che nei diabetici fumatori la cessazione del fumo senza un aumento del peso corporeo si associava a una riduzione significativa delle malattie cardiovascolari e della mortalità rispetto ai fumatori, mentre l’incremento di peso dopo la cessazione del fumo mantiene i benefici sulla mortalità ma attenua significativamente la riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Questi dati quindi non fanno che confermare il beneficio globale sulla salute dato della cessazione precoce dell’abitudine al fumo, in particolare tra le persone con diabete tipo 2, ma enfatizzano anche quanto sia importante mantenere contestualmente un buon controllo del peso corporeo quale strategia per massimizzare i benefici sulla salute cardiovascolare.


Smoking cessation and weight change in relation to cardiovascular disease incidence and mortality in people with type 2 diabetes: a population-based cohort study
Lancet Diabetes Endocrinol 2020 Feb;8(2):125-133