Skip to content

Incontri sul diabete

Diabete No Grazie

Prevenzione e dintorni

Dialoghi, interviste, spunti utili

News

Video Slow Food

Spunti dalla letteratura

CONOSCI IL DIABETE? Partecipa alla survey

Diabete.it

Dossier - Le normative per il diabete

EBM

Farmaci

Il cuore del problema

Interviste

Strumenti

Una sana alimentazione fa la differenza anche per chi segue delle terapie

Molti lavori hanno studiato il rapporto fra alimentazione e rischio cardiovascolare in una popolazione ‘sana’. E’ noto che una dieta sana, variata e moderata, ricca di fibre e povera di grassi animali riduce il rischio di diabete e di problemi cardiovascolari. Ma questo vale anche per chi il diabete già ce l’ha e lo cura […]

Molti lavori hanno studiato il rapporto fra alimentazione e rischio cardiovascolare in una popolazione ‘sana’. E’ noto che una dieta sana, variata e moderata, ricca di fibre e povera di grassi animali riduce il rischio di diabete e di problemi cardiovascolari. Ma questo vale anche per chi il diabete già ce l’ha e lo cura con insulina o farmaci? Vale anche per chi ha già avuto un infarto o un ischemia o in ictus e prende le medicine del caso? La risposta è sì.
Analizzando due studi internazionali Trascend e Ontarget che hanno seguito 31 mila persone con diabete e/o malattie cardiovascolare i ricercatori di hanno visto che mediamente una persona su 6 ha avuto un evento cardiovascolare nei cinque anni di durata dello studio. Ebbene tra i pazienti che avevano seguito una dieta più vicina alle linee guida di una corretta alimentazione il tasso di eventi cardiovascolari è stato nettamente inferiore rispetto ai pazienti che avevano le abitudini alimentari più lontane. La differenza è stata del 14% per gli infarti, del 19% per gli ictus e di ben il 35% per gli eventi mortali e questo a prescindere dalla terapia adottata.

Epidemiology and Prevention
Relationship Between Healthy Diet and Risk of Cardiovascular Disease Among Patients on Drug Therapies for Secondary Prevention
A Prospective Cohort Study of 31 546 High-Risk Individuals From 40 Countries
Mahshid Dehghan, PhD; Andrew Mente, PhD; Koon K. Teo, PhD; Peggy Gao, MSc; Peter Sleight, DM; Gilles Dagenais, MD; Alvaro Avezum, MD; Jeffrey L. Probstfield, MD; Tony Dans, MD; Salim Yusuf, DPhil; on Behalf of the Ongoing Telmisartan Alone and in Combination With Ramipril Global End Point Trial (ONTARGET)/Telmisartan Randomized Assessment Study in ACEI Intolerant Subjects With Cardiovascular Disease (TRANSCEND) Trial Investigators
irculation.
2012; 126: 2705-2712